Image Alt

Blog

turismo di Capo Verde

Le restrizioni a causa del coronavirus paralizzano il turismo di Capo Verde

Per molti anni le Isole di Capo Verde hanno beneficiato di investimenti nel turismo. Ma ora a causa della diffusione del coronavirus i turisti se ne stanno alla larga, danneggiando l’economia locale. Riferisce Jochen Faget da Boa Vista.

“Ho lavorato nell’hotel Iberostar per quasi quattro anni, ma ora sono senza lavoro”, ha detto Dina Brito a DW. “Riceverò l’indennità di disoccupazione per altri cinque mesi, ma dopo non saprò come nutrire i miei figli”, hanno aggiunto le donne disperate.

I turisti sono ormai pochi e rari in tutto il Capo Verde con la diffusione del COVID-19, il che significa che i posti di lavoro sono rari anche sull’isola di Boa Vista, che vive quasi esclusivamente del settore dell’ospitalità. Centinaia di dipendenti dell’hotel hanno un lavoro a breve termine o sono stati licenziati. I ristoranti sono vuoti e i tassisti non hanno clienti.

“Nel ristorante dell’hotel guadagnavo circa € 230 ($ 273) al mese escluse le mance”, ha detto Brito. “Ora i soldi che ricevo non sono sufficienti per pagare l’affitto”.

Le isole di Capo Verde si trovano nell’Oceano Atlantico a circa 600 chilometri (373 miglia) dal Senegal, sulla costa occidentale dell’Africa. La nazione insulare indipendente è stata particolarmente colpita dalla pandemia . Nel 2019 ci sono stati circa 820.000 turisti registrati, ma da allora c’è stato un drastico calo.

Nell’estate di quest’anno, le autorità hanno imposto un severo divieto di ingresso che è stato revocato solo in ottobre, ma molti hotel sulle 10 isole in totale sono ancora chiusi. Il turismo, che rappresenta un quarto del prodotto interno lordo (PIL) della nazione, si è fermato.

Isola senza vacanzieri

“Dopo aver avviato la nostra attività, abbiamo avuto otto mesi di grande successo prima che COVID ci colpisse”, ha detto a DW il belga Kevin Sanders. Lui e sua moglie Laura Smith gestiscono una pensione sul mare a Boa Vista. “Da allora, le nostre cinque camere per gli ospiti sono rimaste vuote e non abbiamo guadagnato un solo centesimo.”

Sostenere il cavallo sbagliato?

La pandemia ha dimostrato che la politica ufficiale della nazione di investire principalmente e massicciamente nel turismo è stata probabilmente un errore. Capo Verde, che ha ottenuto l’indipendenza dal Portogallo solo nel 1975, ha deciso di espandere il suo settore del turismo di massa e voleva trasformare due isole in luoghi paradisiaci per le vacanze, con voli diretti dall’Europa e pacchetti all-inclusive. Ciò ha portato a trascurare l’agricoltura e altri settori.

“La nostra economia non deve fare affidamento esclusivamente sul turismo; dobbiamo anche promuovere la pesca, ad esempio”, ha detto a DW il consigliere economico Carlitos Fortes del Banco Caboverdiano de Negocios.

Il ministro del turismo capoverdiano Carlos Santos ha ammesso che la pandemia continuerà a pesare duramente sull’economia negli anni a venire. “Raggiungeremo di nuovo il numero di turisti a livello del 2019 solo nel 2023, e questo ci preoccupa molto”. È comprensibile, tanto più da quando i funzionari del suo ministero avevano inizialmente sognato di raggiungere un traguardo quest’anno registrando più di un milione di turisti.

L’attuale declino ha squarciato un enorme buco nelle già piccole casse della nazione insulare. L’esperto economico Carlitos Fortes prevede che l’impatto sarà drastico. “Se il turismo non si riprenderà presto, dovremo affrontare enormi problemi economici e sociali”.

Persone senza lavoro che se ne vanno

Maisa Ribeiro, dipendente del Boa Vista Hotel, non sa come sbarcare il lunario. Ha un contratto di lavoro a breve termine che le fa guadagnare 200 euro al mese.

“La vita a Boa Vista è molto costosa”, ha detto a DW la madre di due bambini. “Non è abbastanza per sopravvivere.”

Ha detto che molti dei suoi colleghi erano già tornati nelle isole da cui provenivano. Ribeiro proviene dall’isola di Santiago (Capo Verde). Forse sarebbe partita anche per casa, ha detto, sottolineando che a casa avrebbe almeno avuto il sostegno della sua famiglia.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit sed.

Follow us on